Marcello Bombardi

my climbing life

Pit stop estivo

Lascia un commento


Un mese fa è finalmente iniziata la vera stagione agonistica 2014! Dopo le prime due a Milano e Roma sono arrivate 4 gare nel giro di 5 settimane, due Coppe Italia difficoltà e le prime due Coppe del mondo per me di quest’anno.

tracciatura Arco

Tracciatura dei Campionati Italiani Giovanili boulder


Dopo avere anche concluso il tirocinio di tracciatore con il campionato Piemontese a Cantalupa e gli italiani giovanili ad Arco ero quindi pronto a stringere le prese con le dita e non con la chiave.

Buona la prima… Non si può certo dire che sia andata così per Verona… Dopo una discreta prova di semifinale, in finale non posso neanche giocarmi le mie carte: appena a 15 prese dalla partenza, incurante di spingere bene col piede sul volume scivolo (notare bene: un volume! E anche bello grosso… non una presina avvitata) e termino la prova non proprio contento della prestazione.

A Campitello, sulla bella e nuova struttura dove si è svolta la terza tappa di Coppa Italia, la sostanza non è cambiata molto: un bel scivolone di piede destro, anche se questa volta su una presa già più piccola. Per fortuna ero già alto sulla via e mi piazzo comunque in terza posizione dietro a Ste e Checco. Il giorno dopo abbiamo seguito il raduno della nazionale sulla stessa struttura. Speriamo che nei prossimi anni vengano organizzate anche gare internazionali visto che le potenzialità ci sono tutte.

(Ringrazio Stefano Pichi per le belle foto!)

Neanche due settimane di riposo e già mi ritrovo con gli altri ragazzi della nazionale a Chamonix per vedere se siamo noi italiani o gli stranieri a tenersi veramente 😛 Viste le scarse prestazioni dell’anno scroso l’obbiettivo iniziale era quello di entrare in semifinale.

WC Chamonix ©Nathaniel Spencer

Dopo due vie di qualifica dure come bastoni e sotto un clima freddo e di pioggia, passo il primo turno di gara in 17° posizione, carico e stramotivato per andare ancora meglio il giorno dopo. A primo obbiettivo raggiunto si poneva adesso quello di entrare nei primi 15! La via di semifinale era ancora più dura e, cosa ancora peggiore, era tutta su tacche minuscole che dovevano essere arcuate e riarcuate per farci rimanere le dita sopra. Riesco comunque a non patire troppo la parte di dita e arrivo con ancora buone energie poco prima di metà via. Purtroppo interpreto male un passaggio, comunque non facile, e mi fermo col punteggio 21+ arrivando alla fine in 21° posizione.

WC Briancon

Arrivo a Briancon più fiducioso e carico dall’avere finito gli esami della sessione di luglio all’università (sfida anche questa non semplice)! Sabato mattina passo in semifinale come 21° e mi preparo a dare il massimo la sera al secondo turno di gara. La piazza era piena di gente e l’atmosfera eccitante, le gare in Francia sono sempre spettacolari! La via si rivelò facile fino alla fine del tetto dove iniziava la “vera via”: da lì in avanti se volevi restare attaccato dovevi stringerle tutte e tanto, più di quello che sono riuscito a fare. Alla fine arrivo 22° e abbastanza rammaricato per non essere caduto stanco e non essere riuscito a dare il massimo.

D’altronde nelle gare bisogna essere bravi anche in questo per cui c’è solo da migliorare per i prossimi obbiettivi: Coppa del mondo a Imst tra 10 giorni e poi forse anche un po’ di falesia 😎

Buone scalate e stringete duro! Sempre! 😉

falesia Narango

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...